Ti trovi in:

Presentazione

Il castello è un’ampia fortificazione pluristratificata, articolata in una serie di circuiti difensivi concentrici, interrotti da sistemi fortificati di accesso, dei quali la cortina sommitale, elemento principale, frutto di un complesso processo di crescita e modificazione, le cui tracce risultano in alcuni casi ancora ben riconoscibili sulle superfici murarie, cinge un denso aggregato di differenti corpi di fabbrica spesso in addosso alla parte interna della cortina stessa

Tali edifici, di differenti periodi storici e sistematicamente trasformati ed adattati, si organizzano in due distinti nuclei principali: quello centro settentrionale, costituito dalla torre principale del complesso, il mastio, dagli edifici ad essa addossati e dal complesso degli edifici settentrionali interni, ed in un solo caso esterni, alla cinta sommitale, che costituiscono il nucleo insediativo più antico del castello e che hanno tutti mantenuto nel tempo una funzione residenziale; quello meridionale, più tardo del precedente, addossato ai perimetrali sud-orientali e meridionali della cortina sommitale, che ebbero storicamente una funzione prevalentemente “rustica”.

Tale gruppo di edifici, anch’essi cronologicamente disomogenei e frutto di processi edificatori e di trasformazione stratificati, pur presentando una parentesi residenziale testimoniata dalle ampie finestre del primo e del secondo livello, riacquisì e mantenne, fino alla defunzionalizzazione novecentesca del complesso, funzioni agricole e rurali.

Situato a 465 metri di altitudine Castel Belasi è un notevole complesso feudale circondato da un'alta cinta murata che sorge, isolato, su una verde collina lambita dal rio Belasi, poco sotto il paese di Segonzone e di fronte a Dercolo. Elementi caratteristici sono le due garrite pensili ( bertesca ) che servono il cammino di ronda e che proteggono i due ingressi principali, il rivellino, il piazzale e la corte interna, il mastio infine, pentagonale, robustissimo costruito da blocchi di granito. Una scala a chiocciola, che serve pure i piani dell'attigua residenza, sale alla stanza d'assedio; da qui si può raggiungere la sommità dove si gode un vasto panorama sulla valle di Non e su parte della valle dell'Adige e sui monti del trentino orientale. Dalle finestre della torre si possono vedere anche i castelli Belfort e Sporo, Castel Thun e Castel Valer.

In quest'area è possibile vedere i video che sono stati realizzati durante la restaurazione del Castel Belasi

Sito web - Castel Belasi

Per avere tutte le informazioni sul Castello, è possibile visitare il sito web appositamente creato cliccando qui